I Migliori Cuociriso per il Sushi

SushiChe cos’è il sushi?

Per quanto la cucina giapponese sia ormai molto conosciuta ed amata in Italia, spesso molte persone non sanno ancora esattamente come definire il sushi, accomunandolo spesso a tutta la cucina giapponese o solo alla classica polpettina di riso con del pesce crudo sopra.
Il sushi però è solo una parte della cucina nipponica, ed è più che una portata vera e propria una sorta di stuzzichino, dato che in Giappone si è soliti gustarlo come un antipasto di accompagnamento al sake o alla birra prima di cena.
La polpettina di riso con cui viene spesso scambiato il sushi è invece il nighiri, una delle diverse pietanze che si possono ordinare in un ristorante quando si va a mangiare il sushi, mentre l’accostamento tra sushi e pesce crudo non è corretta poiché “sushi” letteralmente significa “piattino a base di riso”, e può essere accompagnato da pesce crudo, pesce cotto, uova di pesce o normali e vegetali, come ad esempio la soia.

Quali sono i principali tipi di sushi?

Quando in genere ci si riferisce al sushi o alla cucina giapponese in generale, si parla spesso di piatti come:

  • nighiriNighiri

I nighiri sono le classiche polpettine di riso sulla cui sommità si adagia una fetta di pesce crudo (salmone, branzino, tonno etc.) o di pesce cotto (come anguilla, gambero etc), o anche vegetali come germogli di soia o uova sotto forma di frittata o di pesce.

  • makiMaki

I maki sono dei rotolini di riso e di alghe nori, con pesce crudo e/o vegetali come avocado, cipolla e molti altri all’interno. Ce ne sono di differenti tipi e sono tutti accomunati dalla classica forma arrotondata. Tra i più comuni menzioniamo gli hosomaki, ovvero dei rotolini di piccole dimensioni con alga nori all’esterno, i futomaki, rotolini di grandi dimensioni con l’alga nori all’esterno, i temaki, dei rotolini conici con il nori esterno da mangiare con le mani, ed infine gli huramaki, dei rotolini di medie dimensioni con l’alga nori all’interno.

  • cirashiChirashi

Con chirashi si intende una scodella con del riso alla base, sormontato da delle fettine di pesce crudo o cotto, avocado e sesamo.

  • sashimiSashimi

Pesce crudo a fette con eventualmente del riso come accompagnamento.  Il sashimi è un piatto della cucina giapponese che consiste principalmente in pesce o molluschi freschissimi, ma anche carne, tagliati in fettine sottilissime. Sono di solito mangiati crudi e serviti solo con una salsa in cui intingerli (per esempio salsa di soia con wasabi o salsa ponzu) e un semplice abbellimento (come radici di daikon tagliate in filamenti).

  • onigiriOnighiri

Gli onighiri sono delle polpettine di riso con ripieno di pesce (crudo, cotto, marinato, in crema e via dicendo) e alga nori. Spesso gli onigiri sono di forma triangoleggiante.

Occorrente base per il sushi

Dopo questa premessa, in questa guida vi proporremo una lista degli strumenti base per realizzare del gustoso sushi fatto in casa.

  • aceto di risoAceto di riso

L’aceto di riso si trova con facilità nei negozi multietnici, ed è il condimento per antonomasia della cucina giapponese.

  • affilacoltelli Affilacoltelli

I cuochi giapponesi sono soliti utilizzare una striscia di cuoio con cui affilano accuratamente e più volte durante la sera, il loro set di coltelli. Dato che questa operazione è molto difficile, nelle nostre opinioni è meglio prendere un affila coltelli a passaggio di lama, con magari una parte in ceramica per rifinire al meglio il filo. I coltelli devono essere perfettamente affilati poiché in questo modo si potranno evitare delle situazioni spiacevoli al momento del taglio del pesce.

  • alghe kombuAlghe Kombu

Queste alghe sono necessarie alla preparazione di zuppe e brodi come ad esempio il brodo Dashi, la base della zuppa di miso. Non è fondamentale averle in casa a meno che non desideriate preparare la zuppa di miso. Queste alghe sono reperibili nei negozi di cibo etnico, e sono molto coriacee e piuttosto spesse.

  • alghe noriAlghe Nori

Sono alghe essiccate e compresse che si trovano sotto forma di fogli, ed hanno un colore verde intenso scuro, di cui una parte risulta leggermente cangiante e l’altra più opaca. Il sapore è aromatico, con un leggero retrogusto di tè e sono alla base della preparazione dei maki. Si possono trovare facilmente in ogni negozio di cibo etnico e anche nei tradizionali supermercati.

  • alghe wakameAlghe Wakame

E’ un tipo di alga molto gustosa e leggera che sta alla base di tutte le insalate giapponesi. Si trova in commercio essiccata e, per usarla, è necessario farla rinvenire immergendola in acqua tiepida.

  • olio di sesamoOlio di sesamo

Si può trovare facilmente ed è anche piuttosto economico, e risulta essere un ottimo condimento per le insalate. Non è però necessario per la preparazione del sushi.

  • coltello sushi e sashimiColtelli

I coltelli mirati alla preparazione del sushi sono molto pregiati e spesso sono delle vere e proprie lame da collezione, dunque per cominciare potrete anche optare per delle alternative più economiche. I coltelli fondamentali sono un coltello per sfilettare, dunque con lama sottile e flessibile, ed un colptello a lama media che sia fine e con manico a sbalzo.

  • bambuContenitori

Per far riposare il riso servirebbe un contenitore rotondo di bambù con coperchio, ma potrà andare bene anche un comune coperchio in vetro reperibile in ogni cucina, a patto che sia abbastanza capiente da contenere comodamente il riso. Altri contenitori serviranno a contenere l’acqua necessaria al lavaggio dei coltelli, operazione che va ripetuta comunque ogni volta che si effettua un taglio, e per contenere le varie componenti del piatto che si preparerà.

  • cucchiaioCucchiai

E’ fondamentale un bel cucchiaio da cucina di legno, per rigirare il riso mentre lo si fa raffreddare. Il cucchiaio di legno è una posata tradizionalmente usata in cucina, e di solito è realizzato in un pezzo unico di legno duro, privo di tannino, solitamente di faggio, o in essenze aromatiche come il legno di ginepro, la tradizione vuole che il profumo del legno passi ai cibi rendendoli migliori.

  • legnoPiano di lavoro

E’ fondamentale per tagliare il pesce o le verdure un bell’asse di legno da cucina. Il piano di lavoro in legno è molto piacevole al tatto ed offre davvero un aspetto unico, conferendo alla cucina un tocco di natura.

  • sesamo neroSesamo nero

I semi di sesamo vengono usati nella preparazione di uramaki e cirashi, ed è piuttosto raro e costoso; andrà dunque bene il sesamo bianco comune, da tostare prima dell’utilizzo. I semi di sesamo possono essere considerati come un’ottima fonte vegetale di calcio.

  • salsa di soiaSoia

La salsa di soia è utilizzata dolce per le cotture, e salata (dunque mischiata a wasabi e zenzero) come intingolo per il sushi.

  • tappetino sushiStuoino

Conosciuto anche come Makisu, è necessario per la preparazione dei maki. E’ una piccola stuoia di bambù (o a volte anche di silicone) a fasci piccoli, e si trova facilmente in vendita nei grandi supermercati. Nei reparti etnici spesso si trovano anche dei più generici “set per sushi” che contengono oltre ad un paio di dosi di riso, del wasabi e delle alghe nori ed anche uno stuoiono per arrotolare i maki.

  • tobikoTobiko

Il Tobiko è anche conosciuto come “scaglie di pesce volante”, e si usa sia per determinati tipi di nigiri che per la preparazione del Dashi, il brodo alla base di molte ricette giapponesi. Esiste in commercio una versione più economica, sotto forma di brodo granulare di tonno.

  • avocadoVerdure e vegetali

Potrete comporre i piatti come maggiormente preferite, ma tra quelli più classici figurano l’avocado, usatissimo nei maki, il cetriolo, la cipolla rossa (ottima in abbinamento con il tonno), cavolo bianco e cipollotto per zuppe ed insalate.

  • wasabiWasabi

Il wasabi è rafano verde disidratato e polverizzato, fatto poi rinvenire con acqua in modo da creare una crema perfetta per condire i nigiri ed i maki, che come accompagnamento alla soia. Il gusto è molto piccante e leggermente senapato ma, a differenza del peperoncino, la sensazione che genera passa dopo qualche secondo. In commercio si possono trovare già dei tubetti di pasta di wasabi, che sono più costosi rispetto alla polvere ma che sono indubbiamente più pratici.

  • pescePesce

Il pesce deve essere fresco, locale, sostenibile e stagionale. E’ molto importante trovare del pesce di ottima qualità, soprattutto per quello che riguarda il sushi ed il sashimi. Va benissimo usare del pesce locale come lo sgombro e l’orata,oppure il salmone, specialmente quello scozzese e dell’Alaska, o anche granchio, polipo o gamberi. I gamberi sono una fonte di proteine molto buona, hanno pochi grassi e calorie e contengono omega2, vitamina B12 e zinco: quelli più grandi sono indicati per il sushi, il tempura e l’ebi furai. In alcune varietà di sushi viene usata anche l’unagi, un’anguilla di acqua dolce molto calorica che ha un sapore molto forte e un alto valore nutrizionale.

  • zenzeroZenzero sottaceto

Lo zenzero sottaceto si trova spesso in accompagnamento al sushi, ma in origine serviva a pulirsi il palato. Mangiare una piccola quantità di zenero tra un pezzo di sushi e l’altro evita che i sapori si mescolino, permettendovi di apprezzare i diversi sapori.

  • RisoRiso

Qualora non trovaste il classico riso giapponese, una delle varianti che possono andare bene è il Vialone nano.

  • Russell Hobbs 19750-56
    Russell Hobbs 19750-56

    Cuociriso

Nonostante tutti i cuociriso qui recensiti siano di buona qualità e tutti adatti per preparare il riso per il sushi, il team de I Migliori On-Line ha scelto come più indicato per preparare il riso per il Sushi il Cuociriso Russell Hobbs 19750-56 1.8l.  Sebbene faccia anche da vaporiera, questo cuociriso è infatti indicatissimo per cuocere il riso per fare il sushi, in quanto mantiene in modo ottimale la cottura, il riso rimane sgranato e al dente ed è perfetto per preparare i piatti tipici della cucina orientale o indiana. Il riso conserva tutte le sue proprietà organolettiche ed è saporito e gustoso anche senza l’uso del sale, è fatto di ottimi materiali e permette, grazie alla modalità “mantieni caldo”, di consumare il vostro riso come se fosse stato appena fatto anche a distanza di ore e di poterlo portare direttamente in tavola grazie al cavo rimovibile.

Nel frattempo, con tutte queste recensioni che hanno a che fare con riso e manicaretti noi de I Migliori On-Line ci siamo fatti venire un certo languorino: se lo stesso è stato per voi, questa guida su come fare un ottimo riso per sushi usando il cuociriso fa al caso vostro.
Pronti, bacchette e via!

Riso per il sushi (4-8 persone)

riso sushi
Riso sushi

Ingredienti:

  • 500 g di riso giapponese per il sushi (riso a chicco molto piccolo amidaceo)
  • 7,5 dl d’acqua
  • 0,6 dl di aceto di riso giapponese
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale

Step 1:

Lavate e sciacquate bene il riso sotto acqua fredda corrente mettendolo in un colino a maglie sottili o in uno scolapasta.

Step 2:

Mettete nel cuociriso l’acqua e il riso, premete il tasto “cuoci” e aspettate finché la cottura non è ultimata. Una volta cotto, mettete il riso a raffreddare.

Step 3:

Mentre il riso si raffredda, versate l’aceto, lo zucchero e il sale in un pentolino e fateli scaldare a fuoco basso e mescolando bene finché lo zucchero non si scioglie. Una volta amalgamato e sciolto bene il tutto, togliete il composto dal fuoco e fate raffreddare.

Step 4:

Mettete il riso in una ciotola ampia, versatevi l’aceto, lo zucchero e il sale mescolati precedentemente e girate con cura. Lasciate intiepidire il riso finché non si potrà lavorare e maneggiare con facilità e sbizzarritevi a creare i vostri nigiri e maki preferiti!

Buon appetito da parte del team de I Migliori On-Line!

 

Bibliografia:

  • Matteo Badessi, Come cucinare il sushi a casa propria, Amazon Kindle
  • Caroline Bennett, 500 sushi, Il Castello 2013
  • Yuki Gomi, Sushi a casa mia, Newton Compton Editori 2014